Ancora allerta meteo

Scritto da Super User. Postato in PrimaPagina

logoDPCUna nuova allerta per le regioni del centro-nord. Almeno fino a mercoledì. Secondo la Protezione Civile nelle prossime ore un flusso di correnti umide e instabili determinerà marcati fenomeni temporaleschi su Lombardia, Toscana, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Il maltempo non abbandona l'Italia.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d'intesa con le Regioni coinvolte, ha emesso ieri in serata un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse, che integra ed estende i precedenti.

Per oggi infatti sono previste:

  • precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Liguria di Levante, Appennino emiliano ed Alta Toscana, con quantitativi cumulati elevati o localmente molto elevati;
  • precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Liguria Centro-Occidentale, Piemonte meridionale e settentrionale, settori alpini di Lombardia e Veneto, con quantitativi cumulati moderati o puntualmente molto elevati;
  • precipitazioni da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su resto del Nord, restanti zone della Toscana, Sardegna, Sicilia orientale e Calabria meridionale e ionica, con quantitativi cumulati da deboli a moderati.
  • nevicate sopra i 2000-2200 metri sui settori alpini.
  • venti forti o di burrasca meridionali sulla Liguria; forti meridionali su Sardegna, Sicilia, settori costieri peninsulari del medio ed alto Tirreno.
  • mari molto mossi nei bacini occidentali.

Pertanto sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per oggi:

    criticità rossa per rischio idrogeologico sul Levante ligure e in Toscana, sul bacino del Magra, la Versilia e le isole dell'arcipelago toscano.

  • criticità  arancione per rischio idrogeologico sui restanti settori liguri, sul basso Piemonte, su gran parte della Lombardia e su alcuni settori appenninici emiliani, e per rischio idraulico diffuso sui settori di pianura del Friuli Venezia Giulia e sulla pianura lombarda occidentale.
  • criticità gialla per rischio idraulico e idrogeologico su tutto il territorio del Veneto, della Provincia Autonoma di Trento, su buona parte dell'Emilia e sul Piemonte nord-orientale.

Le valutazioni di criticità idrogeologica (su tre livelli: rossa, arancione e gialla) possono includere una serie di danni sul territorio, in particolare, in particolare la criticità rossa indica la possibilità di:
estese frane superficiali e colate rapide detritiche o di fango; possibili attivazione o riattivazione di fenomeni di instabilità dei versanti, anche profonde e di grandi dimensioni; possibile caduta massi. Ingenti ed estesi danni a edifici e centri abitati, infrastrutture, beni e servizi, sia prossimi sia distanti dai corsi d'acqua, o coinvolti da frane o da colate rapide. Grave pericolo per la pubblica incolumità.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull'Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all'evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile, insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l'evolversi della situazione

Built with HTML5 and CSS3 | Copyright © 2009-2017 Gruppo Comunale Sansepolcro Altotevere

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l’esperienza di navigazione e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Per ulteriori informazioni sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

   
EU Cookie Directive Module Information