Conclusi gli Stati Generali del Volontariato

Scritto da Super User. Postato in Notizie

Dipartimento Protezione CivileL'intervento del capo del Dipartimento della Protezione Civile, Franco Gabrielli, ha concluso gli Stati Generali del Volontariato di Protezione civile, aperti venerdi' alla presenza del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e del presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Monti. I 233 delegati delle organizzazioni nazionali, delle colonne regionali, delle associazioni locali e dei gruppi comunali di protezione civile hanno dibattuto sui temi dei valori, della rappresentanza, dei ruoli e delle risorse del volontariato organizzato di protezione civile. Ieri mattina i rappresentanti dei delegati hanno presentato la relazione finale, aprendo a interrogativi per gli anni futuri e proponendo percorsi virtuosi da costruire.
"Avete dato un'ulteriore lezione al Paese: avete discusso, vi siete confrontati, in alcune circostanze vi siete anche scontrati - ha detto Gabrielli - ma alla fine avete raggiunto una sintesi profonda, una linea unitaria, delle direttive sulle quali costruire il nostro percorso futuro. Oggi avete dimostrato nei fatti, non con le parole, che e' possibile ribadire la propria differenza e doveroso sottolineare le divergenze ma poi, laddove l'interesse e' preminente, le differenze si sublimano, diventano una cosa sola che si identifica con il bene comune e l'interesse generale. Di questo oggi io, ma credo l'intero Paese, ve ne debba rendere merito".
Gabrielli ha definito "ricchi e ambiziosi" i documenti approvati dagli Stati generali e sottolineato - a proposito dei valori del volontariato - che la gratuita' deve essere un elemento centrale ma "il volontariato non puo' diventare una manovalanza a basso costo". E ha aggiunto: "Troppo spesso le istituzioni pensano di risolvere i loro rapporti con voi con delle pacche sulle spalle e invece noi vogliamo che il volontariato conti sempre di piu'. Ma per fare questo il volontariato deve essere sempre piu' credibile, trasparente, verificato. Credo che ci siano troppe rendite di posizione.
Questo mondo ha bisogno di crescere e per farlo ha bisogno che le forze vive siano messe nella condizione di essere presenti".
Il capo della Protezione civile ha assunto l'impegno di costituire il Comitato nazionale di protezione civile auspicato nel documento finale: "dovremo avere la fantasia, l'intelligenza, la capacita' di trovare una formula che sia effettivamente in grado di rappresentare al meglio il variegato mondo del volontariato di protezione civile".
In merito ai valori del volontariato di protezione civile, il documento finale presentato dai delegati sottolinea la necessita' di "tutelare l'autonomia e il diritto all'identita' di ogni associazione di protezione civile". A questi si aggiungono - tra gli altri - i valori della solidarieta' e della sussidiarieta', intesa come capacita' da parte delle associazioni di sostenere le istituzioni e la cittadinanza mettendo in campo le proprie risorse negli ambiti delle attivita' di protezione civile previste dalla legge, assicurando nel contempo a ciascun volontario tutela e sicurezza. Il documento sottolinea anche la necessita' di valorizzare maggiormente il volontariato, una "risorsa alla base del nostro servizio che non puo' essere considerata un costo ma un investimento per la crescita dell'intero sistema Paese". I delegati hanno ribadito, inoltre, che la positiva azione del volontariato non puo' e non deve essere limitata agli interventi in caso di calamita'.
(AGI)

Built with HTML5 and CSS3 | Copyright © 2009-2017 Gruppo Comunale Sansepolcro Altotevere

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l’esperienza di navigazione e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Per ulteriori informazioni sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

   
EU Cookie Directive Module Information