Compie 20anni la consulta provinciale della Protezione Civile

Scritto da Super User. Postato in Archivio

consulta_arSabato 11 febbraio ad Arezzo e in tutta la provincia si festeggia il ventennale della fondazione della Consulta del Volontariato per la Protezione Civile della provincia di Arezzo.
Sono passati molti anni da quando, su ispirazione dell'Amministrazione Provinciale 10 associazioni si misero assieme con l'intento di coordinarsi al fine di rendere più produttivi gli interventi nella nostra provincia. Tale coordinamento negli anni si è sviluppato ed ingrandito; ad oggi le associazioni sono diventate 43 e gli interventi si sono moltiplicati in tutto il territorio nazionale e, a fianco della Provincia di Arezzo, in India e Bosnia ed Erzegovina.

Arriva il freddo in tutta Italia

Scritto da Super User. Postato in Archivio

meteo_logoLa neve caduta nelle ultime ore sul Nord Ovest e' solo un antipasto di una fase molto piu' fredda che ci accompagnera' nei prossimi giorni. Sara' una settimana all'insegna del supergelo e della neve per molte regioni con temperature da record.
In settimana attesa tanta neve, sino in pianura al CentroNord. Secondo il bollettino di 3bmeteo tra martedi' e mercoledi' il transito di un impulso polare produrra' nevicate in pianura prima al Nord, poi entro mercoledi' sulle pianure di Toscana, Umbria, Marche, sino ad arrivare alle porte di Roma. Tra giovedi' e venerdi' si acutizzera' il Buran, il vento gelido proveniente dalla steppa russa.

Rinnovata la convenzione tra Provincia e INGV

Scritto da Super User. Postato in Archivio

PC AR StemmaRinnovata, con importanti novità, la convenzione tra Provincia di Arezzo e lstituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, sottoscritta questa mattina e presentata nei suoi contenuti dal Presidente della Provincia Roberto Vasai e dal Direttore della sezione sismologia dell'Ingv Antonio Piersanti. L'iniziativa si colloca nell'ambito delle attività di prevenzione e mitigazione del rischio sismico che da sempre caratterizzano il Sistema Provinciale Integrato di Protezione Civile. "La convenzione - ha spiegato il Presidente Vasai - assume un'importanza strategica in relazione alla necessità di diffondere una cultura generale sulla protezione civile, facendo conoscere il territorio e i rischi connessi, attraverso attività di divulgazione, formazione e sensibilizzazione mirate alla mitigazione del rischio sismico e rivolte alle istituzioni presenti sul territorio, alla popolazione e alle scuole". L'accordo sottoscritto nasce dallo stretto e proficuo rapporto che da anni lega la Provincia di Arezzo e l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, che ha visto la partecipazione dell'ente di ricerca ai numerosi progetti di informazione alla popolazione realizzati nelle scuole primarie del territorio, fornendo un importante supporto scientifico e formativo. Le finalità della convenzione sono il proseguimento della collaborazione nell'aggiornamento del piano integrato di protezione civile provinciale per la parte riguardante il quadro del rischio sismico ed un supporto all'attività di divulgazione e formazione inerente tale rischio con la relativa produzione di materiale in forma cartacea e informatica. "Sono particolarmente soddisfatto del fatto che metteremo a disposizione dell'INGV a titolo totalmente gratuito idonei locali per lo svolgimento delle attività oggetto della convenzione, il che renderà ancora più stretta la nostra collaborazione", ha annunciato Vasai che ha poi ricevuto, per la disponibiltà della sede, il ringraziamento del direttore Antonio Piersanti. "Ci troviamo in un momento difficile per la ricerca in Italia ed è quindi particolarmente da sottolineare l'aiuto che in maniera rapida e fattiva la Provincia ha saputo darci - ha affermato Piersanti. Proseguiremo così le nostre iniziative di ricerca e di approfondimento del rapporto con la popolazione, sulle quali quella di Arezzo è per noi un'esperienza pilota di valorizazione delle realtà locali". La conferenza stampa è stata anche l'occasione per presentare una delle iniziative rivolte all'informazione alla popolazione in corso in Casentino dove la Provincia, in collaborazione con la Consulta Provinciale del Volontariato per la Protezione Civile, il Centro Intercomunale del Casentino e l'INGV, sta concludendo un percorso formativo in tutte le prime classi delle scuole medie che vedrà il suo termine nella "Settimana del Rischio sismico in Casentino", una mostra allestita da INGV nella sala del consiglio dell'Unione dei Comuni aperta a tutta la cittadinanza. La mostra verrà inaugurata il 13 febbraio e resterà aperta tutte le mattine della settimana, dal lunedì al sabato; nella giornata conclusiva, il 18 febbraio, è stato organizzato un importante convegno tecnico per i Sindaci e gli addetti a i lavori delle amministrazioni comunali di tutta la provincia. "E' quindi, un rapporto proficuo quello tra Provincia di Arezzo e Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia che sta continuando a dare i suoi importanti frutti come i risultati fino ad oggi ottenuti, quali la realizzazione del pieghevole sul rischio sismico nell'ambito del progetto di informazione alla popolazione 'Conoscere per proteggersi, perchè la Protezione Civile siamo tutti noi', realizzato in collaborazione con INGV che riporta informazioni utili da seguire in caso di terremoto -, ha concluso il Presidente della Provincia Roberto Vasai.

Il recupero della Costa Concordia

Scritto da Super User. Postato in Archivio

 

A 5 giorni dal naufragio la Costa Concordia fa ancora paura: le 2.300 tonnellate di gasolio contenute nei suoi serbatoi, insieme a 42 tonnellate di olio lubrificante, potrebbero riversarsi tra le isole dell'arcipelago toscano, causando il più grande disastro ambientale della storia italiana. 
Anche perchè la nave, che al momento del naufragio si è appoggiata alle rocce sul fianco di dritta, è in realtà in bilico su una scarpata profonda  88 metri e nelle ultime ore si è ulteriormente inclinata di 9 centimetri sull'asse verticale e 1,5 su quello orizzontale. I suoi movimenti sono monitorati da un complesso sistema di sensori laser e rilevatori GPS installato poche ore dopo l'incidente dai tecnici della Protezione Civile.
Se le condizioni del mare dovessero peggiorare così come previsto dal meteo per i prossimi giorni, la Corcordia potrebbe inabissarsi, con danni potenzialmente catastrofici alla struttura e ai serbatoi. 
Lo scorso martedì l'armatore ha presentato alle autorità il piano per il recupero del vascello preparato dalla Smit Salvage, una società olandese specializzata in questo tipo di operazioni che nel 2001 si era occupata della messa in sicurezza del sommergibile russo Kursk. 
I tecnici olandesi sono già sul posto e hanno circondato la nave con un cordone di barriere galleggianti il cui compito è quello di contenere eventuali perdite.

Built with HTML5 and CSS3 | Copyright © 2009-2017 Gruppo Comunale Sansepolcro Altotevere

Questo sito utilizza i cookie per migliorare l’esperienza di navigazione e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Per ulteriori informazioni sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra privacy policy.

   
EU Cookie Directive Module Information